Spread the love

Il 23 febbraio scorso il premier Mario Draghi aveva annunciato che il governo «a giorni» avrebbe presentato la road map per la cancellazione graduale delle ultime restrizioni Covid.

Il 31 marzo finirà lo stato d’emergenza. Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute, anche ieri ha detto che «va mantenuto in tutti gli ambienti chiusi fino a giugno».

Alcuni partiti, come Lega e M5s, ad esempio chiedono invece di abolirlo del tutto. Il governo sarebbe orientato a percorrere allora una via di mezzo. Il green pass da rinforzato verrà chiamato allora «rimodulato».

Definito in base all’andamento dei contagi e a seconda del tipo di situazione in cui ci si trova. Di sicuro, si sa che il certificato verde «rafforzato» sparirà per ristoranti e bar all’aperto. Poi, verrà, eliminato gradualmente anche in altre circostanze, come ad esempio negozi, e uffici pubblici. Solo da ultimo, toccherà anche ai ristoranti e ai bar al chiuso, ai cinema e ai teatri. In alcuni casi il super green pass lascerà il posto al green pass base, quello che si ottiene anche con un semplice tampone. Resterà in vigore sui luoghi di lavoro, fino a giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *