Spread the love

Ad appena quattro giorni dalla ‘strigliata’, con i capi delegazione richiamati all’ordine dal premier Mario Draghi dopo l’incidente sul milleproroghe, un nuovo caso scuote la maggioranza, con il Carroccio che – in commissione Affari sociali alla Camera – apre un nuovo fronte, chiedendo la sospensione del certificato verde a partire dal prossimo 31 marzo, giorno in cui arriverà in scadenza – salvo sorprese – lo stato di emergenza dalla pandemia.

Ma non è solo il Carroccio a mostrare segni di irrequietezza. A stretto giro dalla stoccata della Lega, torna a farsi sentire anche Silvio Berlusconi, che chiede “un piano graduale di dismissione del Green pass”.

Naturalmente anche Fratelli d’Italia spinge per toglierlo il prima possibile.

Giorgia Meloni contro il ministro della salute Roberto Speranza. “Speranza ammetta che Green Pass è strumento indeterminato per smantellare economia”

“Mentre le altre Nazioni eliminano le restrizioni, Speranza ci annuncia già che il Green pass non verrà tolto dopo il 31 marzo”, scrive sui social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.