Spread the love

Un 35enne aveva bisogno di denaro per saldare un debito a persone poco raccomandabili, è così ha subito pensato di chiedere un riscatto ai poveri coniugi, facendo credere di essere stato rapito.

I genitori hanno subito pensato che la cosa fosse dovuta e legata ai problemi di tossicodipendenza del figlio e hanno così chiamato subito i carabinieri.

Ma il tentativo di estorsione è stato smascherato grazie proprio alla decisione dei coniugi di rivolgersi alle forze dell’ordine.

Così è partita una “trappola” organizzata dai carabinieri di Monza. Il giovane e altre due persone sono state poi denunciate per violenza privata e procurato allarme in concorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.