Spread the love

Olesya Rostova non è Denise Pipitone. La conferma arriva dall’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta.

Una storia, quella arrivata dalla Russia, che aveva tenuto l’Italia con il fiato sospeso, nella speranza di poter rivedere abbracciarsi madre e figlia di nuovo, dopo ben 17 anni.

La conferma di una notizia che circolava da ore viene – senza neppure dover aspettare il test del Dna –  dal gruppo sanguigno, che è differente. Dopo la diretta della trasmissione russa, che ha tenuto tutti sul filo sacrificando il dolore di una mamma sull’altare dell’audience, arriva il ‘verdetto’.

“Siamo veramente dispiaciuti che il gruppo sanguigno di Olesya non sia quello di Denise. Era un passaggio fondamentale da fare”. Quanto a Piera Maggio, non era in collegamento con la trasmissione. “Non si è potuta collegare perché è in convalescenza dopo avere subito un intervento”, ha detto l’avvocato collegato via Skype con la trasmissione russa.

Il legale prosegue: “Ieri preservando la privacy sul gruppo sanguigno di Denise e Olesya, durante il programma russo, è stato rivelato che il gruppo sanguigno di Olesya è diverso da quello di Denise. Oggi abbiamo, in ogni caso ritenuto corretto trasmettere nota alla Procura della Repubblica di Marsala che valuterà se procedere ad ulteriori accertamenti”, dice all’Ansa l’avvocato Giacomo Frazzitta che parla anche a nome di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *