Spread the love

Silvio Berlusconi è stato assolto nel processo Ruby ter di Siena “perché il fatto non sussiste”.  Insieme al pianista di Arcore Danilo Mariani. Secondo i giudici, l’ex premier non avrebbe mai versato sul conto bancario di Mariani con la causale “rimborsi spese” una cifra vicina a 170 mila euro in tre anni per costringerlo a dichiarare il falso sulle   serate di Arcore, a cui partecipavano alcune ragazze, ribattezzate le Olgettine, e la giovane tunisina Karima El Mahroug, detta «Ruby Rubacuori».

Si chiude così, uno dei filoni del processo di Milano sul caso Olgettine nel quale l’ex premier  era già stato assolto con formula piena (sentenza passata in giudicato) dal reato di concussione “perché il fatto non sussiste” e da quello di prostituzione minorile “perché il fatto non costituisce reato”. Berlusconi era accusato di aver convinto la ballerina Ruby al silenzio grazie a elargizioni di oltre sette milioni di euro tra contanti e regali vari.

“Grandissimo risultato, tutti e due assolti con formula piena: sono veramente contento. Non stupito: è il giusto epilogo di questo processo che forse si doveva fermare un po’ prima”, le parole di uno dei legali di Berlusconi, l’avvocato Enrico De Martino, al termine del processo Ruby ter al tribunale di Siena.

Ho sentito Berlusconi poco fa, è evidentemente sollevato e soddisfatto”. Lo ha riferito invece ai giornalisti l’avvocato Federico Cecconi.

photo crediti Lanotiziagiornale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.