Spread the love

L’8,5% dei malati tende a spostarsi per andarsi a curare fuori regione, soprattutto per andarsi ad operarsi. I «viaggi della speranza» comportano però tanti costi e stress per pazienti e familiari.

 Il Gruppo, coordinato da Salute Donna Onlus insieme a 35 associazioni di pazienti oncologici e onco-ematologici, ha promosso nel 2020 un’analisi approfondita realizzata dal Centro per la Ricerca Economica Applicata in Sanità (C.R.E.A. Sanità), che ha studiato il periodo 2010-2018, analizzando il fenomeno a livello nazionale e regionale, con l’intento di misurarne l’impatto organizzativo ed economico.

Dall’indagine emerge anche che oltre 67mila ricoveri ospedalieri per tumore in Italia nel 2018, sono stati effettuati in mobilità passiva.

Il 45,5% (30.060 ricoveri) oncologici si spostano soprattutto per curarsi neoplasie della prostata, della vescica, del fegato e della tiroide. E circa un terzo dei ricoveri extraregione è associato a un intervento chirurgico.

A muoversi, sono naturalmente più i pazienti del Sud Italia. Per carenza di strutture attrezzate, posti letto, per aver un consulto in più. Assistenza maggiore. Tempi di attesa meno lunghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *