Spread the love

A Vulcano, nelle Eolie, è iniziata l’evacuazione della zona portuale, a causa dei valori troppo alti di Co2. Gli isolani dovranno allontanarsi, ma non tutti i 250 abitanti lo faranno: secondo l’ordinanza emessa dal sindaco della città chi vive in villette potrà restare, dal primo piano a salire.

Il Comune ha messo a disposizione varie strutture e un contributo per chi invece dovrà lasciare casa.

Gran parte delle persone andrà a vivere nelle seconde abitazioni, da parenti e da amici o strutture turistiche alberghiere della zona, dislocate tra il Piano, Gelso e Vulcanello.

Per queste famiglie l’ordinanza sindacale quantifica il contributo mensile per l’autonoma sistemazione, stabilita in 400 euro per i nuclei mono familiari, 500 euro per i nuclei composti da due persone, 700 euro per quelli composti da tre persone, 800 euro per i nuclei composti da quattro o più unità.

Al momento si ha paura per la massa di gas aumentata a dismisura. Dopo aver monitorato la parte geochimica dell’isola è stato accertato che i valori giornalieri di Co2 da 80 tonnellate sono passati a 480. Ecco perché è rischioso ora vivere in quella zona rossa.

photo crediti gazzettadelsudsicilia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *