Spread the love

Il Mose ha protetto Venezia da una alata marea che ieri sera 1 novembre avrebbe inondato la città, colpita da una pioggia torrenziale e raffiche di vento che hanno raggiunto anche i 70 chilometri all’ora. Tuttavia le immagini scattate ieri sera alle ore 23, proprio quando il Mose era attivato, mostrano una piazza San Marco e la Basilica coperte in gran parte di acqua.

Il Centro Maree del Comune sostiene che sia dovuto alla forte perturbazione.

Le case e i negozi sono rimasti per fortuna asciutti e l’angoscia di affrontare un’emergenza per allagamento improvvisa, è stata subito scongiurata.

Intanto, dopo il picco di 139 centimetri registrato ieri sera, a Venezia persistono le condizioni meteorologiche favorevoli al fenomeno dell’acqua alta, con la conseguente riattivazione del Mose.

Stamani alle ore 9:00 si è verificata una massima di 96 centimetri sul medio mare, che ha allagato meno del 5% del centro storico, compresa piazza San Marco.

Per la serata è atteso un nuovo picco oltre il metro, pari a 115 centimetri alle ore 21:20. In preallarme le squadre del Mose per il possibile sollevamento delle barriere, il cui avvio è programmato alle ore 18:00. Permangono le condizioni favorevoli al fenomeno dell’acqua alta fino a venerdì prossimo, 5 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *