Spread the love

In Italia vivono oltre 37mila persone con tumore della mammella metastatico, una cifra in costante aumento grazie alle nuove terapie che consentono, in molti casi, di cronicizzare la malattia. Il 30% di questi pazienti (la neoplasia può colpire anche una minima percentuale di uomini) oggi è vivo a distanza di 5 anni dalla diagnosi.

Un risultato molto importante, che può essere migliorato superando gli ostacoli ancora presenti nell’assistenza. A sottolinearlo sono le organizzazioni ANDOS Onlus (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno), Europa Donna Italia, FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) e IncontraDonna Onlus nel corso di un evento al Ministero della Salute per presentare la Giornata Nazionale del Tumore Metastatico della mammella, che si celebra oggi.

In tutti i centri, rilevano le associazioni, vanno applicati percorsi dedicati per garantire omogeneità e continuità di servizi, va garantita la discussione multidisciplinare anche dei casi metastatici e devono essere fatti tutti gli sforzi per favorire il loro arruolamento in breve tempo negli studi clinici e il rapido accesso alle terapie innovative.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *