Spread the love

A San Casciano dei Bagni in Toscana, piccolo borgo nella provincia di Siena che ancora oggi poggia molto sul turismo termale, gli archeologi sono impegnati da tre anni in uno scavo che ha già fatto parlare molto di sé, per il ritrovamento di una vasca, oggetti votivi, altari dedicati agli dei, persino un bassorilievo con l’immagine di un grande toro e uno splendido putto in bronzo, capolavoro di età ellenistica.

Ma ora si scoprono, dice l’archeologo Jacopo Tabolli all’Ansa, le reali dimensioni del santuario degli etruschi e dei romani nei primi secoli dell’impero.

“Una scoperta eccezionale, spiega il professore Tobolli, “per le dimensioni dell’area del santuario, molto più grandi di quello che potevamo immaginare, con diversi edifici sacri, altari, piscine”. Le riprese dall’alto con il susseguirsi di marmi, strutture, e vasche di ogni forma e dimensione che emergono dal fango, sono emozionanti. Ma a stupire è anche la qualità e la rarità del tesoro di oggetti emersi in queste ultime settimane di scavo. Il più importante, è forse uno strabiliante utero in bronzo che risalirebbe agli anni tra la fine della Repubblica e l’inizio dell’Impero romano: “Nei santuari etruschi e poi in quelli romani dedicati alla fertilità è frequente trovare uteri in terracotta, in bronzo sono rarissimi”, spiega anche il professore, entusiasta delle scoperte fatte. A dispetto delle temperature roventi, ogni giorno di questo cantiere è stato ad alto tasso di adrenalina, “con scoperte continue”, racconta, da un incredibile orecchio in bronzo dei primissimi anni dell’impero che un certo Aulus Nonnius aveva dedicato agli dei per ringraziarli della guarigione, a una gamba e persino un rarissimo pene, sempre in bronzo. Senza contare le monete: “oltre tremila e tutte di fresco conio” come ha documentato Giacomo Pardini, esperto dell’Università di Salerno. “Uscite dalla zecca di Roma e subito portate a San Casciano ad onorare la sacralità del luogo e molto probabilmente i suoi momenti fondativi” conclude Tabolli.

ph crediti Giornale di sicilia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.