Spread the love

Camminare a passo svelto nei corridoi della metrò e delle stazioni.

Rinunciare a salire sugli autobus bus se questi sono vuoti, soprattutto nelle ore serali, meglio un taxi. Farsi venire a prendere alla fermata da amici o parenti o parlarci per telefono in modo tale da potersi farsi accompagnare fino a destinazione.

E fargli chiedere aiuto in caso di necessità.

Sono questi alcuni degli stratagemmi da adottare per non essere preda di maniaci e molestie sessuali maschili, sui mezzi di trasporto pubblico.

Altra raccomandazione, dicono gli esperti, è quella di sedersi vicino al conducente o accanto ad altre donne.

Inoltre, evitare di guardare le persone negli occhi.

 Secondo l’articolo 660 del Codice penale, il reato di Molestia e disturbo alle persone è punito con l’arresto fino a 6 mesi o con l’ammenda fino a 516 euro. Secondo il dettato normativo le molestie possono avvenire con qualsiasi mezzo e in tutti i luoghi pubblici e aperti al pubblico come, per strada, sul treno, in una metropolitana o su di un bus.

Vittime soprattutto le ragazzine, che all’inizio possono anche confondere le molestie per avances, poi anche le giovanissime e le donne più adulte che possono subire apprezzamenti volgari, insinuazione, insulti, toccate indesiderate.

Essenziale andare subito a denunciare, chiedere aiuto alle persone vicine.

photo credits redazionenews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *