Spread the love

A partire dalle ore 12 di lunedì 26 settembre, i lavoratori autonomi iscritti all’Inps e i professionisti associati alle Casse di previdenza private potranno richiedere (sui siti dei propri enti pensionistici) l’indennità da 200 euro prevista dal decreto Aiuti. All’indomani della pubblicazione in Gazzetta ufficiale del testo attuativo della misura, dunque, scatterà la chance di ottenere il bonus per chi ha redditi dai 35mila euro in giù.

L’Indennità da 200 euro è stata introdotta per alleviare gli effetti dell’impennata dell’inflazione nel nostro Paese, raggiungendo cosi la platea degli occupati indipendenti che, nell’anno d’imposta 2021, hanno registrato un reddito complessivo inferiore ai 35.000 euro (complessivamente, si stima che si tratti di almeno 3 milioni di potenziali beneficiari). Adepp, l’Associazione delle Casse previdenziali private, vista la novità del decreto Aiuti ter approvato nell’ultimo Consiglio dei Ministri, che stabilisce un bonus aggiuntivo di 150 euro per i liberi professionisti con redditi dai 20.000 euro in giù percepiti nel 2021, ha fatto sapere che gli Enti “sono pronti ad aggiornare la procedura informatica allestita per la richiesta” del sussidio da 200 euro, “tenendo conto del doppio ‘tetto’ reddituale dei potenziali aventi diritto”.

Come si richiede – Per presentare la domanda è necessario seguire la procedura telematica messa a disposizione dall’Ente pensionistico di riferimento aderente all’Associazione delle case previdenziali private (Adepp). Basterà accedere alla piattaforma inps, utilizzando codice meccanico e pin, e allegando una copia di un documento d’identità e del codice fiscale. Non sono ammesse richieste in forma cartacea o in qualsiasi altra modalità. C’è tempo fino al 30 novembre e a chi ha dichiarato un reddito pari o inferire a 20mila euro verrà aggiunto un ulteriore bonus di 150 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *