Spread the love

La Ferrari torna a vincere il GP di Monaco, il più ambito e prestigioso dell’anno. In un circuito dove si corre da oltre ottant’anni. La Rossa ha cavalcato trionfalmente in testa dall’inizio alla fine, passando per prima sotto alla bandiera a scacchi davanti al palco della nobile Famiglia schierata per le grandi occasioni, non c’era un campione qualsiasi. Al volante della SF-24 numero 16 c’era il ragazzo scelto dall’Academy del Cavallino quando era ancora un bambino che è riuscito ad imporsi in tutte le categorie in cui ha gareggiato, fino a diventare uno dei fenomeni più cristallini della F1.

Maranello non trionfava più nel Principato dal lontano 2017 quando fece doppietta con Vettel e Raikkonen scattati tutti e due in prima fila in ordine inverso.

Charles ci aveva provava invano dal 2019 con risultati in gara sempre deludenti. L’opposto di Senna che a Monaco guidava anche bendato e che praticamente ha sempre vinto qui dove abitava (6 volte, record assoluto). Segno del destino, sono trascorsi esattamente trent’anni (maggio 1994) da quel terribile incidente, in cui perse la vita.

ph credit pixabay